lunedì 26 gennaio 2015

"A casa con Frilly" #2

Siete tutte qui per il secondo appuntamento di "A casa con Frilly" vero? Brave! Anche oggi siamo nella mia cucina, però vorrei mostrarvi dei dettagli e delle spiegazioni su come ho cambiato aspetto a quei componenti che mi avevano stancato.
Non tutte le foto sono favolose, scusate, ma all'epoca del make over non avevo ancora la mia reflex..
Parliamo di piastrelle. Le piastrelle che ho trovato qui nella frillhouse erano semplici e neutre, le avrei preferite diverse, ma essendo nuove e non avendo soldi da buttare, ci siamo altamente accontentati (per ora), se non fosse per qualche isolata orrenda mattonella raffigurante dei limoni a rilievo,non limoni carini e vivaci ma di quelli brutti. Nella mia fase fucsia/verde le avevo ricoperte con una resina colorata, ma ora nella nuova frilly kitchen sono davvero inguardabili.


Così le ho trasformate in piastrelle lavagna. Ho rifinito il contorno della mattonella con il nastro carta, ho stuccato la superficie per appianare i dislivelli dei limoni orrendi a rilievo, infine 2 mani di vernice lavagna. Con un pennarello uniposca mi sono divertita a decorarle.


Devo dire che il risultato lo adoro e soprattutto mi ha salvato dall'assalto dei limoni!!
Ma le piastrelle non bastavano nella mia pink kitchen, così ho cambiato aspetto anche al lampadario, che di suo era già bello ,la lampada a sospensione FOTO di ikea color bianco sporco, ma con uno smalto menta e pistola a spruzzo è diventato perfetto per la mia cucina. Oltre al lampadario ho pitturato con la stessa vernice il tubo della cappa. Non è stato facilissimo ho coperto nuro e pensili con tantissimi fogli di giornale e con la stessa pistola a spruzzo l'ho verniciato. Un lavoro un pò certosino, ma ogni volta che entro in cucina ne vado fiera.




Stessa tecnica e stessa voglia di cambiar colore anche per il mio robot da cucina. Da sempre follemente innamorata del Kitchen Aid e delle sue tonalità pastello, mi son detta, ok il Kitchen Aid non lo posso avere, ma un pink frullatore sì! E allora dopo aver schermato bene le parti da proteggere con il nastro carta, pistola spray, smalto rosa e via a verniciare!


Ormai ci ho preso gusto e col pennello ho cambiato anche le calamite sul forno, gli appendini e i manici dei mestoli di legno. Mi sono proprio divertita e tutti questi dettagli hanno davvero fatto la differenza.


Che ne dite? Non vi viene voglia di rinnovare qualcosa?
Lunedì prossimo vi aspetto con il mio nuovo soggiorno, frilloso anche lui.



venerdì 23 gennaio 2015

Perchè amo Casa Facile

Casa Facile è entrata nella mia vita ancor prima che avessi una casetta mia. La sfogliavo, gelosa la custodivo e ogni tanto la riguardavo per cercare nuova ispirazione, perchè a parte alcune particolari tendenze del momento, è sempre attuale e ogni suggerimento utile.
Poi è arrivata lei, CASA e mi sono trasferita carica di valigie, sogni e i miei CF. Ho trascorso interi pomeriggi sull'orrido divano blu di mio marito a sfogliare, scegliere, immaginare. Ed è su quelle pagine che un giorno vidi una parete prugna con mobili bianchi a contrasto e me ne innamorai.
Fu il primo make over di casa mia, il primo di tanti altri.
Ogni numero lo sfoglio prima velocemente, poi ricomincio e poi ancora, un pò lo maltratto, ma con amore e ogni idea che mi colpisce finisce nel mio quaderno creativo.


Le tendenze geometriche con i negozi appena scoperti, la cassettiera menta che vorrei fare nella nostra camera, le scatole e le valigette per organizzare i miei spazi, i washitape da cui sono dipendente, i prima e dopo fonte d'ispirazione incredibile e continua.


Ogni mese, dopo ogni uscita , mi viene qualche strana voglia di ristrutturare, cambiare colore, spostare mobili, il criceto creativo che vive nella mia testolina si attiva subito cosa che mio marito teme disperatemente, terrorizzato di vedermi tornare a casa con pennelli e vernici o con una nuova lamapada per la camera.


Consigli e idee che ormai fanno parte di me. Per me questa è Casa Facile, la mia fedele compagna d'avventura, ed è per questo che vorrei partecipare alle selezioni delle 12 Blogger CF style.
E voi avete una rivista del cuore, di quelle che conservate e consumate amorevolmente?

Vi aspetto lunedì!


lunedì 19 gennaio 2015

"A casa con Frilly" #1

Quante volte avete guardato una camera di casa vostra pensando, "come vorrei cambiare tutto"?
Beh, qui nella Frillhouse succede spesso, e il povero Mister Frolly odia quel mio girovagare per casa con quadernino , metro e cartella colori..
Quando sono venuta ad abitare qui nella nostra casetta, era un covo per single, con mobili di ripiego, pareti vuote e tanto ,troppo blu. Amavo i colori e i contrasti e in poco tempo ho preso il pennello e ridato vita e colore a cucina e soggiorno. Un bel verde acceso con dettagli fucsia in cucina e nel soggiorno prugna e bianco.Mobili nuovi e un piccolo principino con i suoi disegni hanno reso più bella questa casa.
Col trascorrere degli anni, quei forti contrasti mi hanno stancata  e sentivo il desiderio di più luce, di giocare con accessori, ma di non essere più così fortemente legata a quelle sfumature. La fine!!! Complice la mia voglia di fare, e i numeri di Casa Facile con mille stimoli, un giorno d'estate sono tornata a casa con pennelli , tinte e tante idee per cercare di cambiare la cucina, senza però sostituire il mobilio.
Non ho la pretesa di insegnarvi nulla, ma da oggi con questa nuova rubrica "A casa con Frilly" spero di darvi qualche idea su come poter ridare luce e vita a quegli ambienti che un pò vi hanno stancato, mostrandovi i prima e dopo e i cambiamenti che ho fatto per rendere alcune stanze più luminose e frillose.

La prima stanza su cui ho lavorato è stata la cucina.
Le pareti erano verde "Shrek" e gli accessori fucsia. La adoravo davvero,ma nel viverla quotidianamente mi sono sentita soffocata, come se mancasse di luce e ordine.


Il verde è stato soppiantato da un rosa delicato, quasi impercettibile, e i dettagli fucsia sono andati in vacanza per lasciar spazio a un bel menta. Strano vero? Come ho fatto a scegliere questi colori...

Mentre passavo la prima mano di rosa sulla parete già sembrava di essere in un ambiente più grande e spazioso, molto più luminoso.Non so voi, ma io trovo terapeutico fare ordine e rinnovarsi, mi sento meglio, come se mettessi ordine anche nella mia testa frillosa, è vero avevo un gran mal di schiena per le posizioni assurde che avevo assunto pitturando, ma dentro ero rigenerata.
Poi mi sono divertita ad arricchirla con i giusti accessori, tazze, strofinacci, barattoli, stampe, orologio e ho ridipinto gli appendini.


Direi che ora è davvero diversa, più grande e luminosa. Questi colori mi mettono subito di buonumore, mi viene voglia di mettermi il grembiule, prendere uova e farina e iniziare a preparare qualcosa di dolce, del resto ho un piccolo aiutante che ama pasticciare insieme a me, quindi oggi credo proprio che prepareremo una crostata ai lamponi.

Lunedì prossimo mi mostrerò nel dettaglio qualche modifica, dei piccoli diy per cambiare colore e aspetto a qualcosa che nella vostra cucina vi ha davvero stancato.
Preparate i pennelli, vi aspetto.